(IT).

Adelaide Carta. Materiali eco-friendly, colori decisi e materie prime rubate alla sua terra, la Sardegna, per la designer di borse 100% vegan e cruelty-free Adelaide Carta.

MARKET CHE PASSIONE!

Sono una prassi consolidata nei paesi anglosassoni e da qualche anno hanno fatto capolino anche in Italia. I market sono la nuova frontiera dello shopping di nicchia. Milano, da sempre centro propulsore di nuove tendenze, ha fatto da apripista. Chez Babette Garage Sales è uno degli appuntamenti più attesi da tutte le fashion-addict della città. Apre i battenti nel 2015, su idea di Francesca Ferrante, organizzatrice meticolosa dell’evento. Una domenica al mese l’officina di famiglia ospita abbigliamento e accessori vintage, second-hand e handmade. L’ottica è quella del riuso, dare una seconda chance a capi che verrebbero gettati, ma anche quella di una maggiore consapevolezza sui temi della sostenibilità e del zero waste per un settore, quello della moda, tra i più inquinanti. Trovare pezzi unici e modelli fotografati sui magazine più famosi è scontato, qui infatti vengono non solo piccoli produttori, ma anche blogger e fashion editor che aprono ai visitatori i loro armadi.


(EN.)

Adelaide CartaEco-friendly fabrics, bold colors and raw materials stolen from her land, Sardinia, for the designer handbags 100% vegan and cruelty-free Adelaide Carta.

MARKET THAT PASSION!

They are a well-established practice in Anglo-Saxon countries and have been peeping in Italy for a few years. The private market is the new frontier of niche shopping. Milan, which has always been the driving center for new trends, has been an open track. Chez Babette Garage Sales is one of the most awaited appointments from all the fashion addict in the city. It opened his doors in 2015, on the idea of Francesca Ferrante, a meticulous organiser of the event. One Sunday a month the family garage hosts vintage, second-hand and handmade clothing and accessories. The optics is that of reuse, give a second chance to garments that would be thrown, but also that of a greater awareness on the issues of sustainability and zero-waste for a sector, that of fashion, among the most polluting. Finding unique pieces and garments photographed on the most famous magazines is easy, here in fact come not only small producers, but also bloggers and fashion editors who open their closets to visitors.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: